SenzaPeli

pensieri incacchiati di un non sinistrato de sinistra

Archive for the ‘L’Oppio dei Popoli’ Category

30 giu 2006

Le statistiche fornite dalla Chiesa cattolica sul numero dei suoi fedeli sono prive di plausibilità scientifica e difficilmente accettabili anche come semplici stime. E’ quanto emerge da un’analisi analitica delle cifre fornite dalla Chiesa stessa all’interno delle sue pubblicazioni. La spinta a verificare questi dati è stata data dalla campagna di ‘bonifica statistica’ lanciata anni fa dall’UAAR: la quale confidava, evidentemente con eccessiva benevolenza, che le statistiche cattoliche fossero attendibili, perlomeno a riguardo del numero dei battezzati. Riteneva infatti l’UAAR che, come qualsiasi ufficio anagrafe, il dato dei fedeli di ogni parrocchia venisse aumentato dei battesimi e diminuito dei funerali.  [ Read More ]

Continue
13 mar 2006

La Consulta Islamica recentemente ha chiesto l’introduzione dell’ora di Islam nelle scuole, almeno nelle classi in cui ci siano un certo numero di alunni musulmani. Il cardinale Martino ha dichiarato che non ci sono pregiudizi in proposito da parte della chiesa cattolica. Certo, la chiesa cattolica da molti anni è impegnata a mostrarsi tollerante con le altre religioni, è ovvio che non abbia nulla in contrario, daltronde in italia ormai vivono oltre 1 milione di musulmani, l’islam è la seconda religione d’italia e quindi non si può non riconoscere questo diritto agli islamici.

Continue
20 gen 2006

Secondo un’indagine Eurispes condotta su un campione rappresentativo, l’87% della popolazione italiana è cattolica, ma: il 68,7% dei cattolici è favorevole alle unioni civili (Pacs) il 65,6% dei cattolici è a favore del divorzio il 77,8% è contrario al divieto dell’eucarestia ai divorziati l’83,2% è favorevole all’aborto se la vita della madre è in pericolo solo il 33% dei cattolici và a messa Questi dati confermano che gli italiani non siamo come ci vogliono far credere i vari Buttiglione, Pera, Rutelli e gli altri politici-preti che popolano gli schermi televisivi e le aule del parlamento.

Continue
20 gen 2006

fonte: chartitalia Il Centro Cattolico Cinematografico è sorto per dare indicazioni ai cristiani sui film usciti nelle sale riportando, per ogni film, una valutazione pastorale. E sin qui niente da ridire: è giusto e corretto che, per i credenti e per i fedeli, scegliere di seguire le indicazioni dei “ministri del culto”. Ma se si va ad analizzare il giudizio dato da tale istituto sui vari film, si resta esterrefatti dalle scelte effettuate, che ben poco hanno di “pastorale” e molto di censura politica ed ideologica vera e propria, tant’è che è stato un invadente centro di potere sino a  [ Read More ]

Continue